Le storie di abusi e minacce commesse dall’ex comandante (pro-tempore) di stazione, coperte da superiori e colleghi nonostante le denunce querele depositate alla Procura della Repubblica.

Una chicca che troverete nel libro, che il Maresciallo Vito Arciuli si presentava sempre con autorità come COMAMDANTE DI STAZIONE CARABINIERI DI BRA, e quando firmava con in ingegno copriva con la firma dove sul timbro era scritto “protempore”.

Sarà mica abuso di potere o millantato credito???

Decideranno le autorità competenti superiori i reati penali commessi da questo personaggio, che sfrutta la legge per scopi personali.